Menu

Giochi online, le donne sono più fortunate degli uomini

4 Dicembre, 2019 - Giochi Online
Giochi online, le donne sono più fortunate degli uomini

La fortuna esiste o ognuno è artefice del proprio destino? Di sicuro, per chi ama giocare con i casinò online, la dea bendata ci può aiutare eccome nell’incassare grosse vincite non solo con la roulette e con il blackjack, ma anche con le slot machine. 

Casinò online, sempre più donne aprono un conto di gioco

Negli ultimi anni, tra l’altro, è stato sfatato il tabù legato al fatto che nelle room dei casinò online ci siano solo giocatori di sesso maschile. Tante donne, anche in Italia, sono infatti titolari di conti di gioco e, allo stesso modo dei maschietti, giocano, si divertono e vincono anche al poker online. Inoltre, rispetto agli uomini il gentil sesso risulta essere, con maggiore frequenza, il prescelto da parte della dea bendata. 

Le donne più fortunate degli uomini secondo LeoVegas.it

Questo è quanto, in accordo con quanto è stato riportato dall’Agenzia di stampa specializzata AgiProNews.it, è emerso da una ricerca che è stata condotta da Starcasino.it, noto casinò online ed operatore di scommesse sul web che, in Italia, opera con regolare licenza rilasciata in concessione dall’ex AAMS, ovverosia dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli di Stato (ADM). 

Nel dettaglio, la società svedese che è una digital entertainment company operante nel comparto del gioco online, analizzando i numeri dei propri clienti, nel periodo dal mese di luglio al mese di settembre del 2019, ha rilevato che, con una percentuale di vincita che supera il 10%, le donne sono più fortunate degli uomini. 

Maxi-vincite su LeoVegas da parte del gentil sesso

Nel confermare questa tendenza, infatti, LeoVegas.it ha segnalato le ultime maxi-vincite al casinò online a partire da una donna di 30 anni che, residente a Milano, si è portata a casa la bellezza di 21.000 euro con il blackjack, ed una donna che, residente nella provincia di Salerno, ha addirittura vinto la bellezza di 46.826 euro.